Appello ai diplomati magistrali per una riunione nazionale unitaria




Siamo maestre e maestri diplomati magistrali di diverse città e regioni. Insieme a tutti voi abbiamo dato vita a tanti momenti di sciopero e mobilitazione in questi mesi. Purtroppo, fino ad oggi, non siamo riusciti ad ottenere una risposta dal governo: non esiste alcuna certezza per i nostri posti di lavoro.

Il Miur ha affermato di non poter intervenire prima di acquisire il parere dell’avvocatura di Stato. Ma questo parere ancora non è arrivato e, soprattutto, possiamo prevedere che non sovvertirà la sentenza della Plenaria del Consiglio di Stato. Occorre che il governo intervenga con un decreto.

Quello che più ci preoccupa è che sta per finire l’anno scolastico. I contratti dei precari sono in scadenza: migliaia di maestre e maestri supplenti a giugno si troveranno fuori dal mondo della scuola, senza possibilità di mobilitarsi. Prendere atto del loro “licenziamento” potrebbe allora essere molto semplice per il Miur. Ricordiamoci inoltre che l’estate è un periodo molto sfavorevole per noi. Già in passato i governi hanno varato in piena estate tagli pesanti alla scuola pubblica, implicanti licenziamenti di massa: in estate gli insegnanti e i lavoratori della scuola non possono infatti né scioperare né creare azioni di protesta nei luoghi di lavoro, visto che i precari sono in disoccupazioni mentre il personale assunto è in ferie. A tutto questo si aggiunge il fatto che non esistono ancora certezze sul prossimo governo: è possibile che si possa prolungare questa situazione di stallo, lasciando mani libere all'attuale ministro in carica (Valeria Fedeli) di procedere a sua discrezione.

Pensiamo che sia necessario rilanciare la mobilitazione a maggio, evitando che ci cada sulla testa una decisione presa dall’alto.
Facciamo quindi appello a tutte e tutti i DM in mobilitazione a vederci e pianificare unitariamente le prossime scadenze di mobilitazione. Vi proponiamo una riunione nazionale sabato 28 aprile a Firenze (abbiamo prenotato una sala in via delle Porte Nuove 33) dalle ore 10 alle ore 15.30 (con una breve pausa per un panino). Chiediamo a tutte le realtà di DM di mandare loro rappresentanti.
 
Sappiamo che il movimento dei DM è molto diviso. Tutti e tutte abbiamo commesso sbagli, ma pensiamo che se non riusciremo a trovare la strada dell’unità dovremo rassegnarci al licenziamento di massa. Facciamo appello a tutti a partecipare alla riunione di Firenze, provando a mettere da parte diffidenze reciproche e rancori. Probabilmente non riusciremo a trovare un accordo su tutto, ma siamo convinti che sia possibile trovare un accordo su qualche punto: possiamo decidere tutti insieme un piano di azione per maggio che eviti la dispersione delle energie in iniziative contrapposte.

Sappiamo che nei prossimi giorni sono in programma assemblee e riunioni dei DM in diverse città e regioni: speriamo che questo nostro invito possa arrivare anche a queste assemblee e trovare ascolto.

L’abbiamo detto varie volte e mai come adesso è vero: UNITI si vince, DIVISI non possiamo che perdere. Vogliamo provarci davvero?


Articolo tratto da: Fronte di Lotta NO AUSTERITY - http://www.frontedilottanoausterity.org/
URL di riferimento: http://www.frontedilottanoausterity.org/index.php?mod=none_News&action=viewnews&news=top_1523782734