L’ROVO NON SI SGOMBERA!


Stamani I’Rovo, occupato da oltre 4 anni nel nome di una terra senza padroni, è stato sgomberato con arroganza. Sgomberato dai vigili urbani del comune di Firenze, dai pizzardoni del potere. Sgomberato assieme ai suoi occupanti. Sgomberato a cura di un Comune di “sinistra” servendosi a piene mani del Decreto-Legge Salvini e di poteri peraltro già ampiamente previsti.

I’Rovo fin dalla sua occupazione il 7 febbraio 2015 è stato un’esperienza di autogestione agricola in territorio cittadino sempre più degradato da speculazione e spaccio. Un’esperienza dura e difficile: ne fanno fede ben 4 incendi dolosi che abbiamo dovuto subire, laddove non sono arrivati gli spacciatori di legalità, in piena collusione con quelli delle polverine varie.

Ogni occupazione antagonista in questa città è sotto sgombero coatto: dal Rovo alla Polveriera, da Viale Corsica alle occupazioni abitative, da Mondeggi a via del Leone, ai centri sociali.

E’ ora di cominciare a dare una risposta collettiva e di classe a tutto questo stato di cose, una risposta non fraintendibile.

A partire da oggi è presidio continuo in tutte le realtà occupate e antagonista fiorentine, al di là di ogni “particulare”.

PRESIDIO attualmente al Fondo Comunista Fiorentino in via Rocca Tedalda 277 (zona case minime)

I’ROVO NON SI SGOMBERA!R/ESISTENTE CONTRO L’EROINA E PER L’AUTOGESTIONE!


Fondocomunista Firenze e I’Rovo